Home Attualità Covid, viaggiare in Europa: pass in arrivo, i dettagli

Covid, viaggiare in Europa: pass in arrivo, i dettagli

83
0

È in arrivo il pass che permetterà di viaggiare in Europa nonostante ci sia ancora il Covid: presto il via libera dell’Unione, scopriamo come funziona.

Covid viaggiare Europa
Come viaggiare in Europa con la situazione Covid (Getty Images)

Come ben noto il Covid ci ha praticamente impedito di poter viaggiare liberamente da un anno a questa parte. A causa delle varie restrizioni nazionali, infatti, l’accesso ai Paesi è stato talvolta impedito o soggetto a quarantene obbligatorie una volta arrivati a destinazione. Viaggiare, inoltre, ha sempre rappresentato un rischio a causa del consistente numero di persone che si possono trovare nelle stazioni o negli aeroporti.

L’Unione Europea, alla luce anche della campagna vaccinale che sta iniziando a dare i suoi frutti, sta studiando un metodo affinché si possa ritornare a viaggiare in totale sicurezza. Il così detto pass, utilizzato fra l’altro anche per spostarsi da regione a regione in Italia, dovrebbe entrare ben presto in vigore su tutto il territorio europeo. Scopriamo come funziona.

LEGGI ANCHE > > > Covid, i colori delle regioni dal 3 maggio: cosa cambia, i dettagli

Covid, come viaggiare in Europa

Covid viaggi vacanze
Come viaggiare liberamente in Europa (Pixabay)

Il sistema per la gestione dei nuovi certificati digitali Covid Ue dovrebbe essere operativo dal 1° giugno. Ci sarà, tuttavia, una fase di sperimentazione che inizierà il 10 maggio, con un gruppo di oltre 15 Paesi, tra cui anche l’Italia. L’approvazione finale da parte di tutti gli Stati membri dovrebbe arrivare alla fine di giugno: per allora, però, il sistema sarà già pronto ed operativo. Il sistema potrà essere adottato anche da Paesi extra UE, previo accordo legislativo.

LEGGI ANCHE > > > Le misure anti Covid del nuovo Decreto: spiagge, parchi e fiere, i dettagli

I certificati saranno sotto forma di QR code e verranno prodotti grazie ai dati forniti dalle autorità nazionali sulle vaccinazioni o sui test. La privacy, anche in questo caso, è garantita poiché i certificati sono protetti da un sistema di doppia chiave crittografica. Ciò vuol dire che solo le autorità degli Stati membri potranno leggerli. Da quanto si apprende non dovrebbe essere necessaria nessuna app sullo smartphone. Il codice può anche essere stampato o mandato via mail.

e.f.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here