Home Curiosità WhatsApp, la Polizia postale mette in guardia i cittadini: allarme frode, l’invito...

WhatsApp, la Polizia postale mette in guardia i cittadini: allarme frode, l’invito alla cautela

133
0

La Polizia postale lancia un allarme ai cittadini, per metterli in guardia da un rischio frode sempre più diffuso su WhatsApp: l’invito alla massima cautela.

WhatsApp polizia postale
La polizia postale avverte i cittadini: massima cautela per una frode diventata molto comune su WhatsApp (fonte pixabey)

La notizia si apprende dall’ANSA e riporta un allarme diramato dalla Polizia postale in merito ad una frode diventata molto comune su WhatsApp: l’invito è alla massima cautela. Pare che siano molti i cittadini ad essere incorsi in un particolare messaggio. Un messaggio che, talvolta, può arrivare anche da un numero che è tra quelli salvati in rubrica, come un amico o un familiare. Il testo, riporterebbe la richiesta di ‘rispedire’ un certo codice numerico inviato per sbaglio. Rassicurati dal conoscere il mittente del messaggio, molti utenti avrebbero provveduto a fare quanto richiesto, con il risultato di incorrere nel furto del loro stesso account. Analizziamo con chiarezza i dettagli.

Leggi anche: WhatsApp, nuova funzione che vi lascerà senza parole: ecco cosa si potrà fare

WhatsApp, l’avvertimento della polizia postale

Un semplice messaggio ricevuto da un amico o un conoscente potrebbe consentire ai criminali informatici di impossessarsi del nostro account. L’avvertimento arriva direttamente dalla polizia postale, come riportato dall’ANSA. Il messaggio in questione è semplice: “Ciao, ti ho inviato un codice per sbaglio, potresti rimandarmelo?”. Nel momento in cui il destinatario esegue quanto richiesto, i truffatori hanno accesso al suo account. A questo punto avrebbero la possibilità di accedere anche al numero di cellulare. Il mittente, ovviamente, non ha alcuna colpa ma è stata egli stesso vittima della stessa frode. La polizia postale sottolinea che tutti i codici ricevuti tramite sms sono parte di informazioni strettamente personali. Non bisogna, dunque, mai inviarli a nessuno né tantomeno correre il rischio di cliccare sui link che talvolta accompagnano il messaggio ‘trappola’. In caso si fosse stati vittima della truffa, sarà importante comunicarlo subito ai contatti presenti nella nostra rubrica, per evitare che capiti anche al loro.

Per restare sempre aggiornati seguite la nostra pagina facebook: qui

WhatsApp
La polizia postale mette in guardia gli utenti della celebre app (fonte pixabey)

La polizia postale raccomanda la massima attenzione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here