Home Spettacolo Coronavirus, succederà “tra meno di una settimana”: annuncio shock

Coronavirus, succederà “tra meno di una settimana”: annuncio shock

347
0

Coronavirus, le varianti preoccupano: Crisanti suggerisce un lockdown nazionale in quanto ritiene che tra meno di una settimana si sarà già diffusa nel nostro paese

covid crisanti variante
Coronavirus, le varianti preoccupano

Le ultime notizie sul Coronavirus e le sue varianti, soprattutto quella inglese e quella brasiliana, non sono assolutamente confortanti. Torna la paura, torna la preoccupazione per un virus che ha letteralmente messo in ginocchio tutto il mondo. Migliaia e migliaia di morti e l’economia in frantumi. Basterà? Beh, a quanto pare no. Perché adesso c’è da fare i conti con le varianti e, a quanto pare, il vaccino talvolta non basta o – almeno – non è stata ancora fatta la dovuta chiarezza su ciò che ci dobbiamo aspettare. A parlare all’AdnKronos è stato il virologo Andrea Crisanti, il quale già più volte si è espresso sulla pericolosità del virus e in particolar modo delle varianti che arrivano dal sud America e dalla Gran Bretagna.

Andrea Crisanti: “Ormai siamo nei guai”

“Un lockdown nazionale? È quello che ho detto anche io. Fra una settimana la variante inglese si diffonderà a una velocità senza precedenti e qui si parla di riaprire tutto”: queste le parole, colme di preoccupazione, del virologo che adesso fa scattare un nuovo allarme sulla vicenda Coronavirus.

Il professore di microbiologia ha anche aggiunto: “Se si fosse continuato il lockdown di maggio e invece di sparare al virus con le pistole ad acqua come gli antigenici si fosse fatto un programma di sorveglianza non saremmo a questo livello. L’epidemia non si vince con la demagogia”.

In effetti, i dati riportati dai principali quotidiani d’informazione inglesi non sono confortanti. La variante inglese è diventata molto contagiosa e “in tre settimane è passata da meno di 1% al 20%”. Insomma, non bisogna in alcun modo abbassare la guardia. In Italia, alcune regioni sono passate in zona gialla mentre altre sono ancora in zona rossa. Ciò che suggerisce Crisanti è tenere il pugno di ferro sulle restrizioni relative al Covid per avere sotto controllo la situazione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here