Home Attualità Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, gli angeli sopra i bambini

Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, gli angeli sopra i bambini

179
0

L’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù è una delle eccellenze del nostro paese. Se ne torna a parlare dalle 23.15 su Rai 1 con Federica Sciarelli.

Dottore
Dottore (Pixabay)

Dottori in corsia ci porta dentro un mondo che non vorremmo vedere ma che purtroppo esiste, quello dei reparti di degenza pediatrica. L’Ospedale Bambino Gesù di Roma è sempre stato un riferimento per tutto il paese, sono passati per questo fior fiore di luminari in grado di vegliare sui nostri bambini come se fossero appunto degli angeli. La trasmissione di Rai 1 approfondisce l’argomento con tatto e grande delicatezza.

LEGGI ANCHE >>> Vite al limite, la storia di Bethany

Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, la sua storia

Dottore
Dottore (Pixabay)

Tra i più grandi luminari dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma troviamo sicuramente Carlo Marcelletti. Il noto cardiochirurgo pediatrico ha cambiato per sempre la storia della medicina anche per il suo approccio nei confronti dei bambini. La sua grande umanità lo porterà a vivere grandi successi al fianco della sua spalla di sempre il Dott.Adriano Cipriani.

Non solo cardiochirurgia però perché all’interno dell’ospedale romano si sono scalate le vette della ricerca con grandissime intuizioni che hanno permesso alla medicina di andare avanti. Un ospedale completamente dedicato ai bambini e in grado di trasmettere loro serenità nei momenti più difficili. La docu-fiction ci mostra interviste a professionisti del settore, momenti di grandissima emozione e anche la realtà del dolore delle famiglie di questi straordinari mini pazienti.

L’inconsapevolezza

Chiunque entra in un reparto pediatrico si rende subito conto di essere di fronte a qualcosa di eccezionale. Questo lo regala il grande cuore dei bambini, la loro voglia di vivere e di raggiungere i traguardi che la vita gli pone su un livello più alto e difficile da raggiungere. La puntata di stasera ci regalerà altre riflessioni, quelle sull’inconsapevolezza dei più giovani, dei più deboli di chi lotta per diventare grande e ha voglia di vivere e di fare esperienze.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here