Home Personaggi Covid, Alessandro Borghese: “Sono chiuso nel mio bunker”, come sta adesso

Covid, Alessandro Borghese: “Sono chiuso nel mio bunker”, come sta adesso

90
0

Come sta Alessandro Borghese? Il famoso chef della tv parla delle sue condizioni di salute dopo aver contratto il Covid nelle sue storie di Instagram.

Alessandro Borghese come sta
Come sta lo chef Alessandro Borghese dopo aver scoperto di essere positivo (Instagram)

Il Coronavirus continua a diffondersi tra la popolazione. Nonostante sia partita la campagna di vaccinazione da quasi due mesi, l’attenzione deve essere sempre molto alta. Sono molti i personaggi illustri italiani che hanno dovuto fare i conti col virus: tra quesi c’è Alessandro Borghese. Il famoso chef, noto per i suoi tanti programmi televisivi, ha raccontato il suo stato di salute attraverso il proprio profilo Instagram.

LEGGI ANCHE > > > Vaccini Covid, nuova fase dei test: somministrazione ai più piccoli

Come sta Alessandro Borghese dopo il Coronavirus

Alessandro Borghese coronavirus positivo
Scopriamo come sta Alessandro Borghese (Instagram)

Tutti si staranno chiedendo come sta Alessandro Borghese dopo aver scoperto di essere risultato positivo al Coronavirus. Lo chef ha effettuato il tampone circa una settimana fa e, da 5 giorni, è in completo isolamento nel suo “bunker“. È questo il modo in cui lo che ha definito la sua abitazione, lontano da tutto e tutti.

Nonostante il periodo non sia dei migliori, Borghese non perde mai occasione per mostrare a tutti la sua ironia e simpatia. Attraverso le storie Instagram, infatti, ha raccontato la sua esperienza da positivo, strappando più di un sorriso ai suoi fan.

LEGGI ANCHE > > > FAQ zona rossa: risposte alle domande più frequenti

Per adesso le condizioni di salute del noto chef non sembrano destare particolare preoccupazione. Dalle storie, infatti, sappiamo che per ora non ha febbre, il che è un ottimo segno. Tuttavia lo chef non è proprio al massimo della forma: accusa dei lievi giramenti di testa e di sentirsi tutte le ossa rotte. Purtroppo si tratta di alcuni sintomi del virus che, come si sa, non intacca solo le vie respiratorie.

La quarantena forzata, però, può essere un buon momento per dedicarsi a qualche hobby o per studiare argomenti di cui solitamente potremmo non sapere nulla. Lo chef, infatti, ha speso questi 5 giorni di quarantena studiando la natura che ci circonda. Alessandro si è interessato a piccole curiosità e aneddoti che riguardano, in particolare, il mondo animale.

Tutti noi non possiamo far altro se non augurargli una pronta guarigione: non vediamo l’ora di vederlo di nuovo dietro ai fornelli dove sicuramente da il meglio di sé!

e.f.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here