Home Spettacolo Ex giocatore Juventus ricoverato per Covid, situazione complicata

Ex giocatore Juventus ricoverato per Covid, situazione complicata

370
0

Un ex calciatore della Juventus, amatissimo, è stato ricoverato per Covid-19. La situazione è complicata anche se non rischia di morire.

Getty Images

Il Coronavirus continua a far paura, nonostante alcuni pensino si tratta solo di un lontano ricordo che arriva dal passato. A farne dazio stavolta è il centrocampista cileno ex Juve, ora all’Inter, Arturo Vidal. Per fortuna la situazione è sotto controllo anche se non si può mai stare tranquilli in questo senso. L’ospedalizzazione si è resa necessaria a Santiago del Cile dove il calciatore avrebbe dovuto giocare contro l’Argentina in una gara valida per le qualificazioni al prossimo Mondiale.

Arturo Vidal ricoverato

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Arturo Vidal (@kingarturo23oficial)

Il centrocampista cileno ex Bayer Leverkusen Arturo è dunque risultato positivo al Covid nel corso della visita preventiva del 31 maggio. Il ricovero è avvenuto a causa di una tonsillite pleurica molto grave come ha raccontato lo staff medico della nazionale. Il centrocampista ha spiegato: “Purtroppo ho scoperto di essere positivo al Covid, dopo che un mio amico è risultato asintomatico. Questa volta non potrò essere in campo ma sosterrò i miei compagni con tutte le forze. Mi riprenderò presto per indossare nuovamente La Roja de Todos. Ringrazio gli operatori sanitari che si sono presi cura di tutti i cileni che stanno lottando contro questa pandemia e vi chiedo per favore di vaccinarvi”.

LEGGI ANCHE >>> Vidal lascia l’Inter

LEGGI ANCHE >>> Via Bentancur e Dybala

Arturo Vidal (Getty Images)

Arturo era stato vaccinato, insieme al gruppo nazionale, tre giorni fa dunque non era ancora immune. Sicuramente si riprenderà presto e gli auguriamo di avere la possibilità di superare tutto brillantemente. Nonostante questo il messaggio di Vidal ci fa capire come questa pandemia non colpisca solo gli anziani, se è arrivata a far ricoverare un calciatore giovane come lui. Questo perché ancora oggi, dopo milioni di morti e tantissimi casi gravi, nel mondo continua ad esserci chi minimizza e che parla di un qualcosa che è “poco più di un’influenza”. Ovviamente come ogni cosa anche questa notizia ci deve invitare a riflettere accuratamente.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here