Home Curiosità WhatsApp, non immagini quanto sia pericoloso: un’operazione da non fare più

WhatsApp, non immagini quanto sia pericoloso: un’operazione da non fare più

139
0

WhatsApp, non immagini quanto sia pericoloso: ecco quali sono le operazioni che non dovresti più fare per salvaguardare la tua privacy

Ormai WhatsApp è un’applicazione di messaggistica presente ormai su quasi tutti gli smartphone. E’ nata nel 2009 e si è ampiamente diffusa perché scaricabile in maniera gratuita. Permette di inviare in maniera istantanea messaggi scritti e vocali, foto, video e file velocemente. Si classifica tra i primi posti dei social network, con oltre 1 miliardo e 600 milioni di utenti in 180 paesi del mondo.

Molte delle informazioni che scambiate nelle vostre chat potrebbero però essere seriamente pericolose per la vostra privacy. Avete mai pensato ai rischi che comporta l’uso di questo social?

LEGGI ANCHE: Teo Mammucari e Thais Wiggers: perché è finita tra i due, il retroscena

WhatsApp, non immagini quanto sia pericoloso: le 3 operazioni da evitare assolutamente

Il vero pericolo sta nel fatto che inviando file attraverso le vostre chat private, divulgate dei dati estremamente sensibili. In molti casi la condivisione di foto, video e audio circola senza l’autorizzazione dei diretti interessati dei contenuti e del titolare. La diffusione di dati senza consenso potrebbe portarvi direttamente in tribunale, per violazione dei diritti sulla privacy.

  1. La prima operazione altamente pericolosa è quella di inserire una persona in un gruppo WhatsApp senza il suo consenso. Il numero di cellulare è un dato sensibile, tutelato dalla normativa sulla privacy. Condividere un contatto con terzi, senza l’assenso del titolare, è un reato. Attualmente non è ancora possibile condividere un contatto sulla piattaforma nascondendo il numero di cellulare.
  2. Altra operazione che potrebbe portarvi guai legali, è la condivisione di immagini di minori di 18 anni. Prestate molta attenzione quando scambiate foto e video di bambini e ragazzi minorenni senza che genitori o tutori ne siano a conoscenza.
  3. La terza operazione che viola i diritti della privacy, riguarda gli screenshot di una chat in cui risultano visibili i numeri di telefono.

La tecnologia fornisce degli ottimi strumenti per restare in contatto con le persone e poter condividere frammenti di vita anche a distanza. Soprattutto in un periodo storico come quello attuale, restare collegati attraverso i cellulari è un grande privilegio. Ma valutate sempre attentamente cosa condividete. Utilizzate le applicazioni e i social network assicurandovi sempre di rispettare le normative sulla privacy. Alcuni aspetti che vi sembrano banali possono invece rivelarsi insidiosi.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here