Home Spettacolo Alessandro Borghese, un retroscena drammatico: “Non sapevamo se fosse vivo o morto”

Alessandro Borghese, un retroscena drammatico: “Non sapevamo se fosse vivo o morto”

714
0

Un drammatico episodio quello che vede protagonista il giovane chef Alessandro Borghese; e’ stata sua madre a raccontarlo: parole da brividi!

Alessandro Borghese, il cuoco rock così come lui stesso si definisce perché trova che la musica e il cibo siano due cose che vanno di pari passo, non se ne può fare assolutamente a meno.

Alessandro Borghese, retroscena drammatico (Instagram)

E’ uno dei cuochi e personaggi più seguiti nello scenario culinario del mondo televisivo. Nel 2005 fa il suo esordio in tv con il programma Cortesie per gli ospiti in onda su Sky e di cui è conduttore. Da quel momento si può dire abbia messo l’acceleratore, non si è più fermato. Nel 2017 ha aperto un ristorante tutto suo AB-Il lusso della semplicità. Dal 2015 conduce un programma televisivo, 4 Ristoranti in onda su Sky e dal 2016 anche su Tv8. Spunta sul famoso chef un retroscena che mette quasi i brividi per la sua drammaticità. Scopriamo di cosa si tratta.

LEGGI ANCHE >> Anna Valle, il dramma della malattia: “Dolori continui, non c’è rimedio”

Alessandro Borghese: il retroscena drammatico raccontato da sua mamma

Un retroscena che narra di un episodio drammatico avvenuto anni addietro, quando il giovane chef Alessandro Borghese aveva appena 18 anni. E’ stata sua madre, Barbara Buchet a raccontare il drammatico episodio in un ‘intervista per TV Sorrisi e Canzoni. Parole che lasciano davvero di stucco, Alessandro era a bordo di un transatlantico. Era il 2 Dicembre del 1994 quando tutto accadde: “Non sapevamo se nostro figlio fosse vivo o morto. L’unica notizia che trapelava era che gli italiani fossero salvi, ma la cosa non mi tranquillizzava perché Alessandro aveva il passaporto americano“. Giorni di terrore quelli che seguirono che videro mamma Barbara ed il papà Luigi davvero preoccupati ed impauriti, non riuscivano ad avere notizie del figlio. Solo 3 giorni dopo riuscirono ad avere sue notizie: “Per fortuna dopo tre lunghissimi giorni fu lui a cercarmi dicendomi che stava bene. Rinacqui in quell’istante”. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here