Home Spettacolo Galli e l’annuncio di una nuova pandemia: “Causata dai germi multiresistenti”

Galli e l’annuncio di una nuova pandemia: “Causata dai germi multiresistenti”

823
0

Massimo Galli ha detto che è necessario farsi trovare pronti: arrivera un’altra grande epidemia

Massimo Galli: un’altra grande epidemia (Foto di Arek Socha da Pixabay)

Il Prof. Massimo Galli durante il Congresso della Società Italiana di Malattie infettive e Tropicali dove si è parlato di pandemie globali, ha detto che è necessario farsi trovare pronti. Il professore annuncia che arriverà un’altra grande epidemia causata dai germi multiresistenti. Aggiunge inoltre che la pandemia di covid che vede coinvolto il mondo ci servirà sicuramente da lezione poichè ci ha fatto rendere contodi quanto sia importante e necessaria una buona rete epidemiologica per fronteggiare alcune emergenze.

Negli ultimi anni le figure specializzate in infettivologia, ci fa sapere Galli, hanno subito dei tagli considerevoli. Non considerando molte strutture ospedaliere in cui la figura dello specialista infettivologo è stata addirittura considerata inutile.

LEGGI ANCHE: Errore vaccino Covid

La lezione che ci ha dato il Covid

“Mi auguro francamente che si possa fare tesoro di questa lezione” dichiara Galli “in modo che ci possa trovare più pronti ad affrontare l’altra grande epidemia in arrivo”. Parliamo della pandemia causata dai germi multiresistenti che colpisce sia gli ospedali che gli ambienti comuni esterni. Infine il Professore si augura che riusciremo ad essere più forti per fronteggiare malattie che sono oggi considerate storiche, come l’HIV e l’HCV.

 Galli fa chiarezza sui vaccini anti covid

Inoltre, il professor Massimo Galli si è trovato spesso a far fronte a numerose richieste e domande di cittadini confusi. Si è reso molto disponibile a soccorrere le persone in difficoltà in questo ultimo periodo ed ha messo in campo il proprio sapere per aiutarci a capire meglio alcune cose.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here