Home Attualità Coronavirus, lo studio sugli asintomatici a Wuhan: “Potrebbero riaccendere focolai”

Coronavirus, lo studio sugli asintomatici a Wuhan: “Potrebbero riaccendere focolai”

121
0

Una notizia delle ultime ore che getta un velo di preoccupazione sulla città di Wuhan: uno studio avrebbe rilevato che migliaia di soggetti asintomatici al Coronavirus: “Potrebbero riaccendere focolai”.

Coronavirus asintomatici
Coronavirus, lo studio sugli asintomatici a Wuhan: “Potrebbero riaccendere focolai” (fonte getty)

Migliaia di asintomatici rilevati a Wuhan, quando l’infezione da Coronavirus contagio era considerato ‘sotto controllo’: è quanto sarebbe emerso da uno studio elaborato dall’Università di Wuhan. Con l’intento di testare gli anticorpi al virus degli abitanti, gli esperti hanno analizzato circa sessantamila soggetti sani. Dallo studio è arrivato il dato inaspettato: l’1.68 per cento della popolazione ha sviluppato anticorpi al Coronavirus. Prendendo come metro di misura la percentuale media della Cina, pari allo 0,38 per cento, emerge la possibilità che migliaia di cittadini di Wuhan siano:  “stati infettati in modo asintomatico tra marzo e maggio 2020, quando non sono stati riportati casi clinici di Covid-19”. Quando, dunque, la situazione appariva già ‘stabile’ e ‘sotto controllo’.

Leggi anche: Manila Nazzaro e Lorenzo Amoruso, drammatico retroscena: “Il 2020 ci ha lasciato un dolore profondo”

Coronavirus, gli asintomatici a Wuhan: “Potrebbero riaccendere focolai”

La pandemia potrebbe essere circolata molto più a lungo di quanto precedentemente ritenuto”. Sono queste le parole che arrivano dall’Università di Wuhan, nella persona di Xue-jie Yu. Lo studio porterebbe alla luce il fatto che, quando tutto sembrava ormai ‘sotto controllo’, un numero altissimo di abitanti della città avrebbero contratto il virus ‘in modo asintomatico’. Una possibilità che desta, ovviamente, una certa preoccupazione. “Potrebbero anche far riemergere l’infezione con un ceppo altamente virulento e riaccendere focolai epidemici in Cina” aggiunge Xue-jie Yu. Lo studio è stato pubblicato sul Plos Neglected Tropical Diseases, rivista scientifica. Intanto, gli altri paesi del mondo continuano la loro lotta al Coronavirus mentre in diversi paesi i cittadini hanno assunto le prime dosi di vaccino. Occorrerà attendere le prossime settimane per comprendere quale direzione l’Italia stia prendendo in termini di diffusione e curva epidemiologica.

Per restare sempre aggiornati seguite anche la nostra pagina facebook: qui

Coronavirus Wuhan
Lo studio condotto per rilevare la presenza di anticorpi nei cittadini di Wuhan (fonte Getty)

Ovviamente, continueremo a tenervi aggiornati in merito ai nuovi sviluppi per quanto riguarda l’infezione da Coronavirus.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here