Home Attualità Reddito di Cittadinanza: stop da febbraio 2021, chi non lo riceverà

Reddito di Cittadinanza: stop da febbraio 2021, chi non lo riceverà

366
0

Stop reddito di cittadinanza a partire da febbraio per queste persone: ecco perché non lo riceveranno, brutta sorpresa!

reddito cittadinanza febbraio
Reddito di cittadinanza: stop da febbraio

Purtroppo, la legge non ammette ignoranza e talvolta anche disinformazione. Per cui, se non avete letto o ascoltato notizie sul Reddito di cittadinanza nell’ultimo periodo, dovete fare molta attenzione a quello che state per leggere adesso. Sì, perché potrebbe succedere che in questo mese di febbraio 2021 non vi arrivi il versamento come tutti gli altri mesi. Oppure, che la cifra percepita sarebbe ridotta. Insomma, una brutta sorpresa per chi aspetta i soldi per pagare bollette, fare la spesa e quant’altro. Ma perché tutto questo? Ecco, perché proprio in questo mese di febbraio 2021 potrebbe arrivare questa spiacevole sorpresa? Lo scopriamo insieme, intanto continuate nella lettura, così proviamo a risolvere ogni dubbio o perplessità.

Reddito di Cittadinanza Febbraio 2021: potrebbe non arrivare o essere ridotto

La segnalazione, chiara e precisa, è arrivata direttamente dall’INPS con un comunicato stampa precisamente il 4 gennaio scorso. Si segnalava, in effetti, di rendere noto l’ISEE aggiornato all’anno in corso. Il motivo? In questo modo si poteva decidere sul diritto o meno dell’intera famiglia a percepire il Reddito o la Pensione di cittadinanza.

In poche parole, per chi ancora non lo sapesse, andava presentato il modello Isee all’Inps entro il 31 gennaio per far sì che l’Istituto stabilisse se l’utente (il cittadino, se preferite) abbia diritto o meno a ricevere il reddito come nel 2020. Se non è stato fatto, se avete dimenticato di presentare l’Isee, il reddito di cittadinanza sarà ‘stoppato’ e non lo riceverete nel mese di febbraio 2021.

Come si ottiene il modello Isee?

Niente paura, potete rivolgervi ad un Caf nelle vicinanze della vostra abitazione e vi sarà indicato il tutto. Comunque sia, riportiamo che è necessario presentare la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU), con i dati anagrafici, patrimoniali e di entrate relative al reddito dal momento in cui lo presentate fino al 31 dicembre.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here