Home Attualità Crisi politica, sempre più vicina l’ipotesi di “governo tecnico”: cosa significa e...

Crisi politica, sempre più vicina l’ipotesi di “governo tecnico”: cosa significa e come funziona

165
0

Crisi politica italiana, sembrano non esserci le basi per una maggioranza politica e si fa sempre più vicina l’ipotesi di un “governo tecnico”: cosa significa e come funziona

Governo tecnico cosa significa
Sempre più vicina l’ipotesi di “governo tecnico”: cosa significa e come funziona (fonte getty)

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha formalizzato le sue dimissioni qualche giorno fa, dando vita ad una nuova e importante crisi politica nel nostro paese. Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha affidato al Presidente della Camera, Fico, l’incarico di “mandato esplorativo”. Tuttavia, sembrano lontani le basi e i possibili accordi per una maggioranza parlamentare e si fa sempre più vicina, invece, l’ipotesi di un “governo tecnico”: cosa significa e come funziona? Cerchiamo di spiegarlo in termini semplici e chiari.

Leggi anche: Coronavirus, dimissioni Conte ed erogazione delle misure in aiuto ai lavoratori: gli scenari

“Governo tecnico”: cosa significa e come funziona

Il Governo è “formato” dal Presidente della Repubblica non viene eletto dai cittadini, al contrario del Parlamento, per cui votano i partiti che saranno i loro rappresentanti. Il Governo necessita della “fiducia” del Parlamento per poter operare, fiducia data dalla “maggioranza”. La “maggioranza” altro non è che un accordo di obbiettivi tra i partiti che formano il Parlamento. Cosa accade, però, quando i partiti politici che formano, appunto, il Parlamento, non riescono a trovare un accordo e formare quindi la maggioranza? Ufficialmente, la soluzione sarebbe lo scioglimento delle camere e nuove elezioni. Una strada, tuttavia, lunga, complessa e difficile, soprattutto in momento delicato come quello che stiamo vivendo.

Per restare aggiornati seguite la nostra pagina facebook: qui

L’alternativa alle elezioni

Subentra, a questo punto, la necessità di continuare a provvedere al: “disbrigo delle questioni correnti, in attesa di un chiarimento della situazione politica“. Nasce così il “Governo tecnico“, basato sull’accordo tra partiti che non nasce da obbiettivi comuni, ma da un’impellente stato di emergenza e necessità. La particolarità di questo tipo di Governo, sta nella scelta, solitamente compiuta, di nominare come membri personaggi che abbiano delle specifiche competenze “tecniche” per l’appunto.

Sergio Mattarella
Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella (fonte getty)

La scelta di questo tipo di Governo sembrerebbe l’unica alternativa di fronte all’emergenza che il paese sta affrontando.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here