Home Spettacolo Facebook, attenzione a questo messaggio: non apritelo per nessun motivo!

Facebook, attenzione a questo messaggio: non apritelo per nessun motivo!

805
0

Nuovo allarme su Facebook: fate attenzione a questo messaggio, non apritelo per nessun motivo o metterete a rischio i vostri dati.

Facebook messaggio
La truffa su Facebook

Torna su Facebook una truffa già nota tra il 2017 e il 2018 che ha come obiettivo quello di rubare i dati sensibili degli utenti iscritti sul social network. Questa volta, stando alle recenti segnalazioni, il tentativo di phishing consisterebbe in un messaggio da non aprire per nessun motivo. Vediamo nel concreto di cosa si tratta e come difendersi dall’attacco hacker.

Fate attenzione a questo messaggio su Facebook

Il tentativo di phishing di cui stiamo per parlarvi è un attacco informatico già noto negli ultimi anni, ma che di recente è tornato ad imperversare su Facebook mettendo a rischio migliaia di profili e ancora più dati sensibili degli utenti iscritti. Ad ogni modo, sembra che la versione odierna sia molto più pericolosa, in quanto consisterebbe in un messaggio inviato da uno dei nostri amici, i quali sono del tutto inconsapevoli di ciò che sta accadendo. Nello specifico il messaggio reciterebbe la frase: “Is that you?”, vale a dire “Sei proprio tu?”. Ma cosa succede una volta aperto? In pratica se si legge questo messaggio ci sarebbe, poi, un ulteriore passaggio che coincide con l’invio ad un sito su cui finiranno i nostri dati sensibili. È questo, quindi, il motivo per cui non bisogna aprire per nessun motivo il messaggio.

LEGGI ANCHE: WhatsApp, come vi rubano l’account con la truffa del codice a sei cifre

Quali sono i dati maggiormente a rischio

Facebook messaggio
I dati a rischio

Stando a quanto emerso nel corso di una recente indagine effettuata dalle Forze dell’Ordine su un hacker che si è impossessato di 550 milioni di profili internazionali, i dati sensibili maggiormente a rischio di un attacco sarebbero:

  • indirizzo di posta elettronica;
  • numero personale di cellulare;
  • stato affettivo;
  • esperienze lavorative.

Ovviamente, anche le foto costituiscono materiale da rubare per gli hacker. I quali, una volta entrati in possesso di queste informazioni, possono rivenderle a fini commerciali o, nella peggiore delle ipotesi, darli nelle mani di organizzazioni criminali. Ecco perché, prima di fornire i propri dati alle varie piattaforme oggi in utilizzo, occorre sempre pensare a cosa si potrebbe andare incontro, cercando quindi di fare sempre attenzione sulle possibili truffe online e non solo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here