Home Spettacolo Sotto copertura, Antonio Folletto: “Con mio nonno Ciro…”, il retroscena

Sotto copertura, Antonio Folletto: “Con mio nonno Ciro…”, il retroscena

490
0

Antonio Folletto si racconta in una lunga intervista a Repubblica: l’attore svela un retroscena sulla sua infanzia e su come si sia appassionato al cinema.

Antonio Folletto retroscena
Il retroscena sull’infanzia di Antonio Folletto (Getty Images)

Antonio Folletto, giovanissimo e di grande talento: è fra gli attori più bravi ed apprezzati della sua generazione. Nel giro di pochi anni, infatti, ha letteralmente conquistato il pubblico facendo parte di fiction e serie tv dal successo internazionale! Lo stesso attore si è detto stupito della fama che ha raggiunto in così poco tempo.

Questa sera, sabato 10 aprile, Folletto sarà in tv nella miniserie targata Rai 1 Sotto copertura, al fianco di Claudio Gioè. Nonostante la giovane età, questa è solo una delle tante opere a cui ha preso parte. In un’intervista rilasciata a Repubblica ha spiegato come nasce la passione per il mondo del cinema. Scopriamo cosa ha detto!

LEGGI ANCHE > > > Gloria Guida, il racconto dell’attrice: “Avevo 11 anni”, curioso retroscena

Il curioso retroscena di Antonio Folletto

Antonio Folletto Gomorra
Antonio Folletto racconta un curioso retroscena (Getty Images)

Ai più sarà conosciuto per aver interpretato il ruolo del Principe nella seconda stagione di Gomorra: quel ruolo ha dato ad Antonio Folletto una notorietà senza precedenti. Il suo personaggio, infatti, è stato fra i più apprezzati di tutta la serie televisiva. La passione per il mondo della recitazione nasce da molto lontano. Stando a quanto racconta, infatti, Antonio sin da bambino avrebbe avuto un certo feeling con questo mondo.

Con mio nonno Ciro da bambino guardavamo tanti film insieme, allora ho scoperto “Il sorpasso”, “La grande guerra”, i film di Totò“. Inizia così il racconto di Antonio che spiega come sia stato merito del nonno se ha scoperto questi grandi capolavori del cinema. “A dieci anni imitavo Totò, appunto: ma mi piaceva tanto anche Aldo Fabrizi“, spiega l’attore dimostrando una grande passione per l’arte della recitazione.

LEGGI ANCHE > > > Giada de Blanck: l’imperdibile foto del passato in compagnia della mamma!

A scuola imitavo i professori, i miei amici. Poi ho fatto le selezioni per l’Accademia Silvio D’Amico. Bella e faticosa“, sottolinea Folletto che, sin da subito, ha avuto le idee ben chiare su quale sarebbe stato il suo futuro. “Al provino portai il monologo di Edmund, il bastardo del Re Lear di Shakespeare“, aggiunge poi l’attore. “Avrò provato l’incipit almeno settanta volte“, a dimostrazione della grandissima professionalità di Folletto.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Antonio Folletto (@antonio_folletto)

e.f.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here