Home Spettacolo Pierfrancesco Favino, eccezionale retroscena: “Non avevo altre possibilità”, la “sfida” del passato

Pierfrancesco Favino, eccezionale retroscena: “Non avevo altre possibilità”, la “sfida” del passato

323
0

L’eccezionale retroscena che vede protagonista Pierfrancesco Favino e la sua carriera: “Non avevo altre possibilità”, la “sfida” del passato

Pierfrancesco Favino passato
“Non avevo altre possibilità”, la “sfida” del passato di Pierfrancesco Favino: il retroscena eccezionale (fonte getty)

Pierfrancesco Favino è un attore straordinario, vincitore di numerosi premi e volto apprezzato sia dal pubblico che dalla critica. Dopo varie esperienze in teatro, lo vediamo nel film “L’ultimo bacio” in cui ricopre il ruolo di uno dei protagonisti. Si dedica poi a numerose pellicole ma anche a interpretazioni televisive in fiction di incredibile successo. Il suo talento è apprezzato anche all’estero e, infatti, ha partecipato a svariati film hollywoodiani, lavorando, tra gli altri, con l’iconico Brad Pitt. Interprete di grande spessore, Pierfrancesco Favino si è sempre dimostrato pronto a mettersi in gioco, come ha raccontato lui stesso molti diversi anni fa: “Non avevo altre possibilità”, la “sfida” del suo passato.

Leggi anche: Pierfrancesco Favino, retroscena sorprendente: “Cinquemila Km in bici” ecco perché

Pierfrancesco Favino, la “sfida” del passato: eccezionale retroscena

Tutti ricorderanno “Senza nessuna pietà”, splendido film di cui l’attore è stato protagonista. Non molti sanno, però, che per interpretare il suo personaggio, Pierfrancesco Favino si è messo in gioco a trecentosessanta gradi, in una vera “sfida” con se stesso. Di cosa stiamo parlando? Per calarsi nella parte, l’attore ingressò di venti chili, così da interpretare al meglio “Mimmo”. Intervistato da Vaniti Fair in occasione dell’uscita della pellicola, fu chiesto all’attore come ci si sentisse, con quei chili in più, quale stato d’animo gli portasse quel cambiamento. “Non avevo altre possibilità. Dovevo, sentirmi ingabbiato. Dovevo respirare, alzarmi la mattina, avere il dolore alla schiena, guardare la reazione della mia compagna e delle mie figlie per comprendere che cosa volesse dire vivere davvero in quelle dimensioni” ha spiegato l’attore. Non è la prima volta che Pierfrancesco Favino si dedica anima e corpo ad un personaggio: lo ha fatto anche quando ha percorso cinque km in bici per interpretare al meglio Bertali.

Eravate a conoscenza di questo eccezionale retroscena sul talentuoso Pierfrancesco Favino? La passione che mette nel suo lavoro è davvero sorprendente!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here