Home Spettacolo Ornella Muti, l’ultimo dramma familiare devastante: droga in casa | Il motivo...

Ornella Muti, l’ultimo dramma familiare devastante: droga in casa | Il motivo è assurdo

509
0

Ornella Muti è senza dubbio una delle dive più amate del nostro cinema. Una carriera iniziata giovanissima e che le ha permesso di incontrare, nel suo percorso artistico, i più grandi registi e attori. Una vita ed una carriera ricche di soddisfazioni, dove, però, è presente anche un recentissimo dramma familiare.

Ornella - Muti - e - la - sorella - fermata - per - droga - Altranotizia
Ornella Muti Altranotizia

Se viene scritto il nome Francesca Romana Rivelli più di qualcuno potrebbe chiedere: Chi è? Se, però, si aggiunge che quello è il nome vero di un’attrice che in arte si chiama Ornella Muti, tutti iniziano ad annuire con il capo come a dire chi non la conosce? Infatti stiamo parlando di un’attrice che ha percorso, con successo, l’ultimo mezzo secolo del nostro cinema.

Nasce a Roma il 9 marzo del 1955 all’interno di una famiglia dove la cultura ha un suo peso consistente. Il papà giornalista e la mamma scultrice, ucraina di nascita, le fanno respirare l’arte in tutte le sue molteplici sfaccettature. Ad instradarla nel mondo dello spettacolo ci pensa la sua sorella maggiore, Claudia, che durante gli anni ’70 è stata protagonista in alcuni fotoromanzi.

Quei fotoromanzi che hanno rappresentato il trampolino di lancio per la giovanissima Francesca Romana. Quella bellissima famiglia, cui tanto deve per la sua formazione la futura attrice Ornella Muti, in queste ore le sta procurando un dolore devastante.

Ornella Muti, cosa le sta succedendo

Francesca Romana Rivelli ha soltanto 14 anni quando il regista Damiano Damiani la sceglie come protagonista del film La moglie più bella. Per volere dello stesso regista il suo nome, da allora in poi, sarà Ornella Muti, nome che è stato volutamente ripreso da Il piacere di Gabriele D’Annunzio, dove la protagonista femminile ha il nome di Elena Muti.

Da allora oltre 70 film con alcune perle che sono entrate nella storia del cinema italiano, come lo splendido Romanzo popolare, film diretto dal Maestro Mario Monicelli che la vede protagonista, come moglie infedele, accanto al grande Ugo Tognazzi. Una curiosità del film riguarda proprio l’attrice romana che durante le riprese era incinta della sua primogenita, Naike Rivelli. 

LEGGI ANCHE —-> Ornella Muti, finalmente svelato il segreto del suo corpo così perfetto a 66 anni

Ancora tanti film di successo girati accanto a mostri sacri del cinema come Vittorio Gassman o Massimo Troisi o diretta da geniali registi come Marco Ferreri e Dino Risi. Ora, però, tutto questo sembra essere lontanissimo poiché un grave evento angoscia profondamente la grande attrice.

Una notizia scioccante

Esattamente in queste ultime ore Ornella Muti è stata raggiunta da una notizia devastante. Riguarda la sua sorella maggiore, Claudia, colei che le ha spalncato le porte del mondo dello spettacolo e che negli anni ’70 aveva il suo splendido volto stampato sulle pagine dei fotoromanzi della Lancio.

Ebbene Claudia Rivelli è stata fermata dalla Polizia nel suo appartamento romano perchè trovata in possesso di un flacone di Gbl, altrimenti detta la droga dello stupro. La sorella della Muti, che oggi ha 71 anni, ha spiegato agli inquirenti come non fosse a conoscenza della pericolosità di quella sostanza.

Claudia - Rivelli - sorella - Ornella - Muti - fermo - per - droga -Altranotizia

LEGGI ANCHE —-> Ornella Muti, non tutti sanno chi è il figlio: eppure l’avete visto molte volte in tv

Lei, ha sottolinato la donna, l’ha sempre utilizzata per lucidare l’argento mentre suo figlio ne ha sempre fatto uso per pulire la sua auto. Il giudice Valentina Valentini ha convalidato l’arresto ed ha successivamente disposto che la donna ritornasse in libertà poiché non ha precedenti penali.

La Gbl, acronimo di Gamma Butirrolattone, è chiamata anche la droga dello stupro, è una sostanza pericolosissima poichè inibisce rapidamente le capacità di intendere e di volere. Nel giro di pochi minuti dalla sua assunzione fa perdere completamente i freni inibitori, anche se la sua durata non è prolungata nel tempo. Per il fatto, poi, di essere incolore ed inodore, può essere aggiunta a qualsiasi bevanda senza che chi l’assume si renda conto di ciò che ingerendo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here